borgo-italia

borgo-italia

gli speciali
italiano  english
passiamo un fine settimana ad Arquà
(Arquà Petrarca (PD) - Veneto)
testi di: borgo-italia [solo desktop] - foto di: gianni
1/21]
Arquà Petrarca
2/21]
Arquà Petrarca
3/21]
Arquà Petrarca
4/21]
Arquà Petrarca
5/21]
Arquà Petrarca
6/21]
Arquà Petrarca
7/21]
Arquà Petrarca
8/21]
Arquà Petrarca
9/21]
Arquà Petrarca
10/21]
Arquà Petrarca
11/21]
Arquà Petrarca
12/21]
Arquà Petrarca
13/21]
Arquà Petrarca
14/21]
Arquà Petrarca
15/21]
Arquà Petrarca
16/21]
Arquà Petrarca
17/21]
Arquà Petrarca
18/21]
Arquà Petrarca
19/21]
Arquà Petrarca
20/21]
Arquà Petrarca
21/21]
Arquà Petrarca

gli speciali di
BORGO ITALIA

italiano english
i nostri sponsor
fantasy tale travel Ci sono un sacco di posti che vale la pena di scoprire
borgo-italia: gli speciali
scrivi un commento scrivi un commento    leggi commenti leggi commenti [0]

passiamo un fine settimana ad Arquà
(Arquà Petrarca (PD) - Veneto)

La parte medievale del borgo si articola intorno alla piazza Roma, su cui si affacciano il palazzo Contarini, in seguito Naccari e, di fronte, un palazzo del XIV secolo.
Completa la vista la chiesa arcipretale di S. Maria, di poco posteriore al mille, ampliata e impreziosita da un complesso pittorico dal gusto bizantino fino all'influsso diGiotto: di particolare interesse è la tela di Palma il Giovane, "L'Ascensione".
Al centro del sagrato della chiesa si trova l'arca, in marmo rosso di Verona, contenente le spoglie di Francesco Petrarca.
Nella strada che conduce a valle, al di sotto del sagrato, è presente una fontana con lavatoi detta "del Petrarca", la cui costruzione è stata attribuita al poeta stesso, anche se sembrerebbe che la sua costruzione risalga al 1200.
A fianco vi sono due abitazioni storiche: una gotica e una del XIII° secolo, dotata di giardino pensile.

Famosa per aver accolto il potea Francesco Petrarca (1364) che si stabilì poi definitivamente nel 1370, sino alla sua morte (1374).
La descrizione che il poeta fece della località dice tutto sulla bellezza del luogo:

«Vasti boschi di castagni, noci, faggi, frassini, roveri coprivano i pendii di Arquà, ma erano soprattutto la vite, l’olivo e il mandorlo che contribuivano a creare il suggestivo e tipico paesaggio arquatense».
(documento conservato presso il Museo Civico di Padova) .

clicca sulle foto per ingrandirle/chiuderle
Arquà Petrarca
[1]
Arquà Petrarca
[2]
Arquà Petrarca
[3]
Arquà Petrarca
[4]
Arquà Petrarca
[5]
Arquà Petrarca
[6]
Arquà Petrarca
[7]
Arquà Petrarca
[8]
Arquà Petrarca
[9]
Arquà Petrarca
[10]
Arquà Petrarca
[11]
Arquà Petrarca
[12]
Arquà Petrarca
[13]
Arquà Petrarca
[14]
Arquà Petrarca
[15]
Arquà Petrarca
[16]
Arquà Petrarca
[17]
Arquà Petrarca
[18]
Arquà Petrarca
[19]
Arquà Petrarca
[20]
Arquà Petrarca
[21]

Un suggerimento:

chi dovesse soggiornare per qualche giorno ad Arquà Petrarca non dimentichi di fare una visita ai paesi di Monselice (15-20 min), Este (15-20 min), Montagnana (20-30 min).

Non dimentichiamo inoltre i vari prodotti locali che fanno ricordare i gusti dimenticati dei tempi passati: l’olio, i bigoli al torchio, il vitello ed il maiale, ma soprattutto il particolare “brodo di giuggiole” , frutto quasi dimenticato e introvabile nei moderni supermercati.

testi di: borgo-italia [solo desktop]
foto di: gianni

data di pubblicazione: 13-09-2010