borgo-italia

borgo-italia

gli speciali
italiano  english
Zavattarello l’antico borgo dei ciabattini
(Zavattarello (PV) - Lombardia)
testi di: borgo-italia [solo desktop] - foto di: gianni
1/27]

Zavattarello
2/27]

Zavattarello
3/27]

Zavattarello
4/27]

Zavattarello
5/27]

Zavattarello
6/27]

Zavattarello
7/27]

Zavattarello
8/27]

Zavattarello
9/27]

Zavattarello
10/27]

Zavattarello
11/27]

Zavattarello
12/27]

Zavattarello
13/27]

Zavattarello
14/27]

Zavattarello
15/27]

Zavattarello
16/27]

Zavattarello
17/27]

Zavattarello
18/27]

Zavattarello
19/27]

Zavattarello
20/27]

Zavattarello
21/27]

Zavattarello
22/27]

Zavattarello
23/27]

Zavattarello
24/27]

Zavattarello
25/27]

Zavattarello
26/27]

Zavattarello
27/27]

Zavattarello

gli speciali di
BORGO ITALIA

italiano english
i nostri sponsor
fantasy tale travel Ci sono un sacco di posti che vale la pena di scoprire
borgo-italia: gli speciali
scrivi un commento scrivi un commento    leggi commenti leggi commenti [0]

Zavattarello l’antico borgo dei ciabattini
(Zavattarello (PV) - Lombardia)

Adagiato sulle dolci colline dell’oltrepo pavese, già da lontano, appare l’antico borgo che si protende verso il castello a cercarne la protezione.
Nei secoli passati l’attività prevalente fu quella relativa ai “ciabattini” da cui il nome derivato dal volgare “savattarellum” ossia il luogo ove si producevano le ‘savatte’ (ciabatte).
Percorrendo le vie del borgo, tra le mura di pietra, salendo verso il castello il visitatore attento ancora può sentire i rumori di tale attività.

Sito vicino ai confini dell’Emilia, il territorio coniuga con sapiente perfezione la cucina dell’Oltrepo pavese e del piacentino supportata dalla presenza di vini di eccellenza, non dimentichiamo che l’Oltrepo è zona di produzione enologica ampiamente conosciuta ed apprezzata.

clicca sulle foto per ingrandirle/chiuderle
Zavattarello
[1]
Zavattarello
[2]
Zavattarello
[3]
Zavattarello
[4]
Zavattarello
[5]
Zavattarello
[6]
Zavattarello
[7]
Zavattarello
[8]
Zavattarello
[9]
Zavattarello
[10]
Zavattarello
[11]
Zavattarello
[12]
Zavattarello
[13]
Zavattarello
[14]
Zavattarello
[15]
Zavattarello
[16]
Zavattarello
[17]
Zavattarello
[18]
Zavattarello
[19]
Zavattarello
[20]
Zavattarello
[21]
Zavattarello
[22]
Zavattarello
[23]
Zavattarello
[24]
Zavattarello
[25]
Zavattarello
[26]
Zavattarello
[27]

Un po’ di storia:
Il territorio divenne rifugio di alcuni soldati romani sconfitti da Annibale nella battaglia della Trebbia, 218 a.C. e documentato nel IX secolo.
Verso la fine del X secolo il monastero di Bobbio fece costruire il castello e quando il vescovo di Bobbio diviene conte il territorio di Zavattarello diventa un feudo del Vescovo-Conte.
Nel 1169 viene conquistato dalla città di Piacenza, nel 1230 il Vescovo cede il territorio alla città.
Dopo un periodo di dominazione di Umberto Landi, spietato dittatore , il castello viene ceduto nel 1390 alla famiglia Dal Verme che ne rimase in possesso sino al 1975 quando il castello e il territorio circostante fu donato al comune.

Due parole sul castello Dal Verme:
Imponente costruzione totalmente in pietra, domina il territorio donando panorami indimenticabili del verde territorio circostante.
La parte che circonda il castello, che nei tempi passati per ragioni militari era tenuta spoglia dalla vegetazione, è oggi un’area protetta di circa 79 ettari, di grande rilevanza paesaggistica, geografica, orografica, oltre che storica e ambientale.
Nel 1978 iniziano i lavori di restauro dei danni dovuti ad un incendio, oggi restituito al godimento del pubblico ospita mostre e conferenze, mentre l’ultimo piano è sede del Museo d'arte contemporanea "Giuseppe e Titina Dal Verme", tra le varie manifestazioni citiamo le Giornate Medievali che si tengono nel mese di agosto.

Per saperne di più:
wiki: Zavattarello
zavattarello
castello

testi di: borgo-italia [solo desktop]
foto di: gianni

data di pubblicazione: 20-11-2015