borgo-italia

borgo-italia

gli speciali
italiano  english
la fucina delle Arti: l'Accademia della Duchessa (parte 2°)
(Parma (PR) - Emilia Romagna)
testi di: borgo-italia [solo desktop] - foto di: Gianni
1/31]

Accademia della Duchessa
2/31]

Accademia della Duchessa
3/31]

Accademia della Duchessa
4/31]

Accademia della Duchessa
5/31]

Accademia della Duchessa
6/31]

Accademia della Duchessa
7/31]

Accademia della Duchessa
8/31]

Accademia della Duchessa
9/31]

Accademia della Duchessa
10/31]

Accademia della Duchessa
11/31]

Accademia della Duchessa
12/31]

Accademia della Duchessa
13/31]

Accademia della Duchessa
14/31]

Accademia della Duchessa
15/31]

Accademia della Duchessa
16/31]

Accademia della Duchessa
17/31]

Accademia della Duchessa
18/31]

Accademia della Duchessa
19/31]

Accademia della Duchessa
20/31]

Accademia della Duchessa
21/31]

Accademia della Duchessa
22/31]

Accademia della Duchessa
23/31]

Accademia della Duchessa
24/31]

Accademia della Duchessa
25/31]

Accademia della Duchessa
26/31]

Accademia della Duchessa
27/31]

Accademia della Duchessa
28/31]

Accademia della Duchessa
29/31]

Accademia della Duchessa
30/31]

Accademia della Duchessa
31/31]

Accademia della Duchessa

gli speciali di
BORGO ITALIA

italiano english
i nostri sponsor
fantasy tale travel Ci sono un sacco di posti che vale la pena di scoprire
borgo-italia: gli speciali
scrivi un commento scrivi un commento    leggi commenti leggi commenti [0]

la fucina delle Arti: l'Accademia della Duchessa (parte 2°)
(Parma (PR) - Emilia Romagna)

Dopo la breve passeggiata attorno alla Pilotta [vedi: parte 1°] ci siamo recati a visitare la mostra “La fucina delle Arti: l’Accademia della Duchessa” un piccolo gioiello, ospitato nella sede dell’Accademia di Belle Arti.

La mostra focalizza l’attenzione sull’apporto che Maria Luigia ha fornito al celebre istituto artistico parmense.

La visita si è svolta con la guida d’eccezione degli stessi curatori della mostra: gli architetti Alessandro Malinverni e Carlo Mambriani, che hanno ampiamente illustrato sia la storia dell’accademia che quella delle opere esposte.

clicca sulle foto per ingrandirle/chiuderle
Accademia della Duchessa
[1]
Accademia della Duchessa
[2]
Accademia della Duchessa
[3]
Accademia della Duchessa
[4]
Accademia della Duchessa
[5]
Accademia della Duchessa
[6]
Accademia della Duchessa
[7]
Accademia della Duchessa
[8]
Accademia della Duchessa
[9]
Accademia della Duchessa
[10]
Accademia della Duchessa
[11]
Accademia della Duchessa
[12]
Accademia della Duchessa
[13]
Accademia della Duchessa
[14]
Accademia della Duchessa
[15]
Accademia della Duchessa
[16]
Accademia della Duchessa
[17]
Accademia della Duchessa
[18]
Accademia della Duchessa
[19]
Accademia della Duchessa
[20]
Accademia della Duchessa
[21]
Accademia della Duchessa
[22]
Accademia della Duchessa
[23]
Accademia della Duchessa
[24]
Accademia della Duchessa
[25]
Accademia della Duchessa
[26]
Accademia della Duchessa
[27]
Accademia della Duchessa
[28]
Accademia della Duchessa
[29]
Accademia della Duchessa
[30]
Accademia della Duchessa
[31]

Una nota:
L’esposizione sfortunatamente non è sempre visitabile a causa della mancanza di fondi che permettano una godibilità pubblica continua.
Eventualmente chi interessato può chiedere informazioni a:

Accademia Nazionale di Belle Arti Parma
accademiadibelleartiparma@gmail.com
o
tel. +01 340 1073984 (Alessandro Malinverni)

Un po’ di storia:
Voluta fortemente da Guglielmo Du Tillot, Intendente della Real Casa, l’accademia fu fondata ufficialmente nel 1752, anche se l’inaugurazione dell’Accademia di Architettura, Pittura e Scultura di Parma si ebbe solo cinque anni dopo.
Ostacolata durante l’occupazione napoleonica, durata sino al congresso di Vienna, e declassata a scuola municipale di pittura.

Maria Luigia la riattivò dotandola di un nuovo regolamento e nominando suo direttore Paolo Toschi che rilanciò la fama in tutta Europa.

Dopo la Morte di Maria Luigia, Parma tornò sotto il governo dei discendenti dei Borboni.
L’annessione dei ducati al regno dei Savoia portò all’unificazione delle tre accademie emiliane di Parma, Modena e Bologna.
Dopo vari cambiamenti dovuti alle vicissitudini storiche, nel 1973, con decreto presidenziale, l’Accademia Nazionale di Belle Arti fu dotata di un nuovo statuto, tuttora vigente.

Per saperne di più:
fantasytaletravel: the-forge-of-maria-luigia
accademia nazionale belle arti Parma: la-rinascita-sotto-maria-luigia

testi di: borgo-italia [solo desktop]
foto di: Gianni

data di pubblicazione: 13-02-2017