borgo-italia

borgo-italia

gli speciali
italiano  english
l'abbazia della Novalesa
(Novalesa (TO)- Piemonte)
testi di: borgo-italia [solo desktop] - foto di: Sandra, Lina, Gianni
1/34]

abbazia della Novalesa
2/34]

abbazia della Novalesa
3/34]

abbazia della Novalesa
4/34]

abbazia della Novalesa
5/34]

abbazia della Novalesa
6/34]

abbazia della Novalesa
7/34]

abbazia della Novalesa
8/34]

abbazia della Novalesa
9/34]

abbazia della Novalesa
10/34]

abbazia della Novalesa
11/34]

abbazia della Novalesa
12/34]

abbazia della Novalesa
13/34]

abbazia della Novalesa
14/34]

abbazia della Novalesa
15/34]

abbazia della Novalesa
16/34]

abbazia della Novalesa
17/34]

abbazia della Novalesa
18/34]

abbazia della Novalesa
19/34]

abbazia della Novalesa
20/34]

abbazia della Novalesa
21/34]

abbazia della Novalesa
22/34]

abbazia della Novalesa
23/34]

abbazia della Novalesa
24/34]

abbazia della Novalesa
25/34]

abbazia della Novalesa
26/34]

abbazia della Novalesa
27/34]

abbazia della Novalesa
28/34]

abbazia della Novalesa
29/34]

abbazia della Novalesa
30/34]

abbazia della Novalesa
31/34]

abbazia della Novalesa
32/34]

abbazia della Novalesa
33/34]

abbazia della Novalesa
34/34]

abbazia della Novalesa

gli speciali di
BORGO ITALIA

italiano english
i nostri sponsor
fantasy tale travel Ci sono un sacco di posti che vale la pena di scoprire
borgo-italia: gli speciali
scrivi un commento scrivi un commento    leggi commenti leggi commenti [0]

l'abbazia della Novalesa
(Novalesa (TO)- Piemonte)

L’abbazia della Novalesa fu fondata nel 726 dal nobile franco Abbone.
L’abbazia sorgeva lungo la Via Francigena, una delle maggiori strade di pellegrinaggio.
L'abbazia ottenne dai sovrani franchi Carlo Magno e Ludovico il Pio numerosi privilegi ed Il IX secolo fu uno dei periodi più floridi anche per la grande personalità dei suoi abati.
Una banda di saraceni [1] nei 906 assalì e distrusse l’abbazia ed i monaci furono costretti a fuggire.
Dopo qualche decennio, l’abbazia fu ricostruita costituendo con i villaggi della val Cenischia una diocesi autonoma che durerà per diversi secoli.
Prima Napoleone e poi, nel 1855, il Governo Piemontese requisisce l’abbazia.
Gli edifici vengono messi all’asta e stravolti per essere trasformati in un albergo termale.

Finalmente nel 1972 la provincia di Torino acquisisce il monastero affidandolo in gestione ai monaci Benedettini provenienti da Venezia e l’abbazia ricomincia a vivere.

Di prestigio il restauro di antichi libri ed incunaboli. Gli edifici mantengono le traccie di tutte le epoche passate.
Nella chiesa (XVIII secolo) sono ancora visibili residui di affreschi del XI secolo.

Interessanti sono le quattro cappelle che servivano ai monaci di clausura per effettuare, in modo virtuale, il prescritto pellegrinaggio.
La cappella di Maria Maddalena (secolo VIII con rifacimenti del XI), di S.S. Salvatore (metà secolo XI), di San Michele (secoli VIII e IX) e finalmente di San Eldrado e San Nicola che possiede due splendidi cicli di affreschi (fine secolo XI) con episodi della vita dei due Santi.

clicca sulle foto per ingrandirle/chiuderle
abbazia della Novalesa
[1]
abbazia della Novalesa
[2]
abbazia della Novalesa
[3]
abbazia della Novalesa
[4]
abbazia della Novalesa
[5]
abbazia della Novalesa
[6]
abbazia della Novalesa
[7]
abbazia della Novalesa
[8]
abbazia della Novalesa
[9]
abbazia della Novalesa
[10]
abbazia della Novalesa
[11]
abbazia della Novalesa
[12]
abbazia della Novalesa
[13]
abbazia della Novalesa
[14]
abbazia della Novalesa
[15]
abbazia della Novalesa
[16]
abbazia della Novalesa
[17]
abbazia della Novalesa
[18]
abbazia della Novalesa
[19]
abbazia della Novalesa
[20]
abbazia della Novalesa
[21]
abbazia della Novalesa
[22]
abbazia della Novalesa
[23]
abbazia della Novalesa
[24]
abbazia della Novalesa
[25]
abbazia della Novalesa
[26]
abbazia della Novalesa
[27]
abbazia della Novalesa
[28]
abbazia della Novalesa
[29]
abbazia della Novalesa
[30]
abbazia della Novalesa
[31]
abbazia della Novalesa
[32]
abbazia della Novalesa
[33]
abbazia della Novalesa
[34]

Le visite alla chiesa, al Chiostro[2] ed alla Cappella di S. Eldrado: sabato e domenica dalle 9.00 alle 11.30
guidate in luglio ed agosto, nei giorni feriali, alle ore 10:30, 15:30 e 16.30 (chiuso il giovedì)
gruppi e scolaresche su prenotazione.

[1] la leggenda parla di “saraceni”, ma è più probabile che si trattasse di bande di briganti
[2] non sempre il chiostro è visibile, dipende dalla disponibilità dei frati.

Info:
www.abbazianovalesa.org

testi di: borgo-italia [solo desktop]
foto di: Sandra, Lina, Gianni

data di pubblicazione: 13-09-2010